Psico-Oncologia

Quando si pensa alla Psico-Oncologia oggi si ha generalmente 2 predisposizioni di pensiero, il primo è legato all’assistenza ospedaliera e domiciliare della persona malata, la seconda è relativa alle numerose teorie di riferimento che vanno dalla Psicoanalisi alla più immediata Psicosomatica.
Le teorie di riferimento Psicologiche sono numerose ed in questi ultimi 70 anni hanno contribuito ed influito alla formazione della disciplina, anche se è giusto sottolineare da subito che la Psico-Oncologia solo recentemente si è confrontata con culture non Occidentali Europee o Americane e quindi è probabile uno sviluppo prossimo di nuove modalità assistenziali in relazione a diverse culture, credi religiosi e differenze sociali.
I contributi delle varie teorie Psicologiche hanno portato la Psico-Oncologia ad essere considerata una sovra specializzazione della Psicoterapia, sebbene la consulenza Psichiatrica farmacologica abbia in diversi paesi creato un’equipe Psicologo-Psichiatra-Oncologo che ancora oggi è l’obiettivo ideale per una corretta “presa in carico” del paziente.
La Psico-Oncologia è quindi riferita non allo Psico-Oncologo ma ad una equipe multi professionale e multidisciplinare dove sono presenti anche gli infermieri, i volontari, gli assistenti sociali e spirituali.

Il passato della Psico-Oncologia

I contributi della psicologia e della psichiatria in ambito oncologico si diversificano nel corso del tempo,non solo in relazione agli Continua »

Psico-Oncologia e Protocolli di Screening del disagio emotivo

Lo Screening del disagio Psicologico è una fase che si inserisce tra l’accoglienza ed il sostegno, necessita di “restituzione” al Continua »

Psico-Oncologia: Assistenza

La Psico-Oncologia per quanto concerne l’Assistenza ha i seguenti obiettivi : 1)Accogliere i bisogni Psicologici delle persone affette da Neoplasia Continua »

Psico-Oncologia: Ricerca, Formazione, Prevenzione

Per quanto concerne la ricerca la Psico-Oncologia approfondisce le tematiche: 1)Relazione tra Interventi Medici e Qualità della Vita 2)Valutazione dell’efficacia Continua »